Le dimensioni medie del pene

Dimensioni medie del pene

virgolette 100x74La dimensione del pene è estremamente importante per molti uomini, quasi fosse l’unico elemento di rilevanza sessuale. Ricerche e tabelle definiscono le dimensioni medie del pene ma, al di là dei numeri, è opportuno fare qualche valutazione in più a riguardo.

LE DIMENSIONI MEDIE DEL PENE

Gli studi sulla dimensione del pene

La misura del pene è un argomento che interessa la totalità della popolazione maschile. Ogni uomo, almeno una volta nella vita, si è posto qualche domanda a riguardo. Da un’analisi dei dati ricavata presso il Royal Hallamshire Hospital di Sheffield e St. James Hospital di Leeds, riguardanti oltre cinquanta ricerche internazionali, emerge che il 45% degli uomini si ritiene insoddisfatto circa le proprie misure, di cui circa la metà considera il proprio pene troppo piccolo.

Negli ultimi decenni, da quando si è rivolta una maggiore attenzione alla sessuologia, sono stati compiuti diversi studi e ricerche che hanno interessato anche le dimensioni del pene; da Kinsey a Master e Johnson, passando per Janssen e ancor prima Gebhard, solo per citarne alcuni.

Emerge che il 95% degli uomini ha misure ampiamente soddisfacenti ai fini sessuali e che non dovrebbero lasciare spazio a dubbi e insicurezze.

Raffrontando i dati raccolti nei diversi gruppi di popolazione, si possono riscontrare differenze importanti, anche se, considerando le numerose variabili e incroci, è difficile tracciare un resoconto statisticamente affidabile. Proprio per questo motivo non sono riportate tabelle e misurazioni fra le varie aree geografiche, anche se sicuramente la genetica e i fattori ereditari hanno condizionato le diverse popolazioni.

Analizzando invece i singoli individui si rileva un’analoga forma del pene, mentre si possono trovare dimensioni, in alcuni casi, notevolmente diverse. Va detto che gli strumenti di misurazione e le tecniche non sono stati gli stessi nei vari studi, e che in alcuni casi l’onere della misurazione è stato demandato al soggetto. Nonostante ciò si possono ragionevolmente considerare affidabili le stime che seguono.

Dimensioni medie del pene

Un pene normale in stato flaccido ha una lunghezza media di 7/9 cm e una circonferenza di 6/8 cm.

In erezione le dimensioni del pene raggiungono una lunghezza media di 14/16 cm con una circonferenza di 11/13 cm.

 Prima di lanciarsi in misure e frettolosi giudizi, è importante fare le seguenti considerazioni:

  • Le combinazioni lunghezza/circonferenza sono variabili: si possono quindi trovare peni corti e con ampia circonferenza, piuttosto che lunghi con diametro ridotto.
  •  Anche il rapporto flaccido/eretto non è uguale per tutti gli uomini: la capacità di espansione dei corpi cavernosi può variare seconda della loro struttura. Anche un pene non molto lungo da flaccido può raggiungere un’erezione importante.
  • La dimensione del pene non influenza la virilità o la sessualità di un uomo.
  • La lunghezza del pene e il piacere femminile non sono direttamente proporzionali.
  • Fra una normale erezione (masturbazione per prendere le misure) e un reale stato di eccitazione (rapporto con una donna) possono esserci fino a 2 cm di differenza, dovuti all’ingrossamento del glande.
  • Il completamento dello sviluppo sessuale può avvenire anche oltre la maggiore età.
  • Un pene visto dall’alto (quindi il proprio) appare più piccolo di uno visto frontalmente (quello altrui).
  • Le dimensioni vanno sempre proporzionate alla propria struttura fisica.

 

Tabella resa pubblica dai ricercatori del Kinsey Institute

Dimensioni medie del pene_tabella Kinsey

 

Come prendere le dimensioni del pene

  • Armarsi di righello e fettuccia da sarto.
  • Tenere presente che allo stato flaccido, temperatura, stress ed eccitazione possono influenzare sulle misure.
  • Le persone in evidente stato di obesità, devono tirare su il più possibile lo strato adiposo scoprendo  l’attaccatura del pene con l’addome.
  • Quest’ultimo è il punto esatto in cui poggiare il righello rilevando la distanza rispetto la punta del glande.
  • In caso di accentuata curvatura, cercare di addrizzare il pene per una corretta misurazione.
  • Per la circonferenza utilizzare un metro a fettuccia, ponendolo sulla parte centrale del tronco del pene.
  • Se si vuole verificare l’inclinazione bisogna porsi di  lato ad uno specchio e, considerando l’angolo di 90° fra pene e addome, valutare l’ampiezza del proprio raggio.

Forma e curvatura del pene

La forma del pene rimane sostanzialmente costante fra i diversi individui, poiché le sue caratteristiche anatomiche devono agevolare e tutelare la funzione riproduttiva. È frequente che il tronco sia in asse fino al primo terzo per poi presentare una leggera curvatura del pene verso la parte dorsale, proprio per meglio penetrare nella vagina. Il glande ha una struttura che impiega più tempo per irrorarsi di sangue, favorendo la penetrazione iniziale. La tipica forma “a cappella” limita il rischio di fuoriuscita dello sperma a eiaculazione avvenuta.

Il prepuzio ha un ruolo importante nella forma e dimensione del pene; se lascia scoperto il glande, farà apparire il pene di misure maggiori, diversamente darà una percezione minore di tutto l’organo. L’anatomia del pene sarà influenzata anche in caso di frenulo corto che, tendendo a inarcare il glande verso il basso, farà apparire il pene più corto.

Micropene

Con questo termine s’identifica scientificamente la condizione in cui si è inadeguati, a causa delle dimensioni del pene ridotte, ad avere un rapporto sessuale mirato alla fecondazione. Il tratto anteriore del canale vaginale è di 6/8 cm, perciò si parla di micropene quando in erezione non supera i 7 cm. In questi casi è consigliabile il consulto di uno specialista che possa mettere in correlazione vari fattori, fra cui corporatura, età, struttura fisica e genitale, presenza eccessiva di grasso, caso quest’ultimo in cui, si può trattare di “pene sepolto”, in altre parole nascosto dall’adipe.

La convinzione che le proprie dimensioni medie del pene non rientrino nella normalità, è un pensiero abbastanza frequente fra gli uomini e nei casi più evidenti diviene una vera e propria patologia. La dismorfofobia peniena è quando si ha la convinzione e la paura di avere un pene troppo piccolo o anomalo. I livelli di ansia e depressione che ne seguono possono portare a una condizione d’isolamento sociale e di rifiuto verso le donne. Prima di trarre conclusioni errate o di avventurarsi in improbabili sistemi come allungare il pene forse è meglio parlarne con uno specialista.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Stimolazione e massaggio alla prostata
Come allungare il pene
Impotenza maschile psicologica le cause
Lunghezza del pene

e se ti è piaciuto questo, puoi condividerlo…

oppure lasciare un commento!

feeccia rosa

3 Thoughts to Le dimensioni medie del pene

  1. marco Rispondi 29 aprile 2017 at 7:48

    io sto messo molto male per centimetri di pene e parlare con uno psicologo non mi servirebbe a niente ormai alla mie età perchè la montagna di parole non allungherebbe di 1 millimetro la schifezza che ho in mezzo alle gambe. La dismorfofobia peniena è una condizione vissuta e non capisco il perchè da persone con il pene di 15 cm in erezione, ma non certo da chi se lo ritrova di 9 cm in erezione. Spesso in Internet si leggono articoli in cui si parla di percezione distorta delle misure. Io vorrei che qualcuno se lo tagliasse e se lo portasse a 9 cm in erezione per vedere quanto normale possa poi sentirsi!! E’ sempre la stessa storia, gli psicologi si inventano la dismorfofobia peniena per tutti con lo scopo di portare una schiera di soggetti al consulto psicologico e convincerli della loro normalità. Ma quale normalità – dico io – quella di 15 cm o quella di 9?? A sentire il parere di tantissime donne le misure contano parecchio nel rapporto e di fatto io stesso arrivo a pensare alla verità di questa affermazione!! Come si può pensare che un pene di 8/9 cm in erezione possa dare la stessa soddisfazione di uno di 15, 16 o 18 cm?? Normalità e media sono due concetti strettamente legati per chi ha fatto un po’ di Statistica e se la media porta a 15 cm significa che l’uomo normale ha quella misura di pene, non un altra. Certo chi ce l’ha di 9 o 10 cm non sarà mai normale al di là delle chiacchiere che si possono spendere al riguardo, perchè non ho ancora trovato nessuno e ripeto nessuno che avendo il pene in erezione di 15 o 16 cm desidera tagliarselo per arrivare a 9 o addirittura a 8. Invece tutti quelli con misure inferiori finiscono per imprecare contro la vita per questa condizione vergognosa, e chissà come mai!!

    #
  2. Luca Rispondi 8 marzo 2015 at 16:32

    Per fortuna io sono nella norma! 🙂

    #
  3. Luca Rispondi 25 febbraio 2015 at 19:51

    Allora non sto messo tanto male!! 🙂

    #

Lascia un commento

Comment


 
btt