Impotenza maschile psicologica : le cause

Impotenza maschile psicologica le cause

virgolette 100x74L’impotenza maschile psicologica è la forma di disfunzione erettile causata da aspetti psicogeni, comportamentali e relazionali. Tale disturbo è più frequente di quanto si possa immaginare e, tenendo conto delle situazioni in cui gli elementi psicologici sono concausa di disfunzioni organiche, riguarda quasi il 70% dei casi.

IMPOTENZA MASCHILE PSICOLOGICA: LE CAUSE

A prescindere dai fattori scatenanti, l’impotenza maschile può essere definita:

  • Primaria o permanente: quando si manifesta sin dai primi rapporti sessuali
  • Secondaria o acquisita: quando si manifesta successivamente
  • Situazionale: quando si manifesta in situazioni specifiche o con un determinato partner
  • Generalizzato: quando si manifesta in diverse circostanze

Le cause d’impotenza psicologica sono sempre più di una e riguardano diversi fattori.

Pur focalizzando l’attenzione sulle cause d’impotenza maschile, va segnalato che le condizioni psicologiche sotto riportate, possono sfociare in diversi disturbi sessuali.

Esperienze sessuali negative

S’includono tutti i vissuti negativi rispetto l’esperienza sessuale. Può trattarsi delle prime esperienze sessuali che, se vissute in maniera traumatica, possono portare a dei blocchi psicologici di tipo primario e generalizzato. Non sono casi molto frequenti, ma neanche rari. Potrebbe essere l’esempio di un giovane ragazzo alla sua prima esperienza che, se ridicolizzato dal partner, vivrebbe un’esperienza talmente negativa da ripercuotersi nei rapporti successivi.

In quest’ambito sono presenti anche traumi psicologici ed esperienze di abusi sessuali, che possono presentarsi anche in maniera secondaria e situazionale. Lo scenario è molto ampio e la risposta dell’individuo è variabile sia secondo la sua personalità sia da altri fattori: età al momento dell’abuso, durata, presenza di penetrazione, uso della violenza, sostegno ricevuto. Le implicazioni psicologiche sono rilevanti, e si riscontrano direttamente anche in ambito sessuale. La volontà di rimuovere il trauma porta l’individuo ad allontanarsi dall’esperienza vissuta o a viverla in maniera traumatica.

Condizionamenti familiari, sociali e religiosi

Sono casi d’impotenza maschile psicologica difficile da affrontare, poiché legati al percorso di sviluppo psicofisico dell’individuo e pertanto fortemente radicati in fase adulta. In molte famiglie il sesso, l’autoerotismo, il corpo, sono demonizzati da messaggi negativi, vuoi per ignoranza, per fanatismo religioso o per quei falsi moralismi di costume che hanno accompagnato la società nei decenni appena trascorsi. Il corpo e gli organi genitali diventano allora qualcosa di sporco, di sbagliato, qualcosa di cui vergognarsi. L’autoerotismo è un atto impuro e il piacere sessuale manifestazione di peccaminosa lussuria. In questo scenario la propria sessualità è figlia del male, e ogni attività a essa legata è inevitabilmente accompagnata da sensi di colpa e frustrazione. Non è una causa diretta d’impotenza psicologica e trova maggiore sfogo nei disturbi dell’orgasmo.

Cause immediate/intrapsichiche

  • Cause immediate: sono tutti quei fattori di stress che pregiudicano l’erezione in quello specifico frangente. In questi casi spesso si è di fronte a un’impotenza maschile di tipo secondaria e situazionale/generalizzata.
  • Cause intrapsichiche: sono fattori non legati a una situazione momentanea ma bensì a condizionamenti e/o traumi.

Ansia da prestazione

È uno stato emotivo di cui risentono la quasi totalità degli uomini. Da ciò non ne consegue che siano tutti colpiti da impotenza maschile psicologica, ma è un dato di fatto che l’uomo vive il rapporto sessuale come un momento di confronto, in cui la prestazione è misurata al piacere femminile. Nei soggetti più sensibili, ansiosi ed emotivi, diventa una condizione di elevato stress che si traduce in un’erezione insufficiente. Si manifesta principalmente in situazioni nuove o con nuovi partner. Il problema maggiore è che le esperienze successive saranno caratterizzate da un’ansia maggiore, alimentata dall’esperienza negativa in precedenza vissuta, innescando un pericoloso circolo vizioso.

Eccessivo stress

È un po’ il flagello dei tempi moderni. Gli eccessivi ritmi di vita, le preoccupazioni, il constante stress cui si è sottoposti non giocano a favore dell’attività sessuale e dei meccanismi che lo caratterizzano. L’erezione è favorita da un corretto funzionamento fisiologico cui concorre anche il sistema nervoso.

Spectatoring

Termine coniato dai sessuologhi Master & Jonhson, identifica il comportamento d’iper-controllo e auto-osservazione, spesso caratterizzato da pensieri critici ossessivi. Si diventa spettatori di se stessi, giudicando le proprie reazioni. Un tale atteggiamento porta all’estraneazione dell’individuo e impedisce il necessario abbandono mentale, inficiando sulle normali risposte sessuali, fra cui l’erezione.

Difficoltà nel comunicare i propri bisogni

Purtroppo la comunicazione sessuale è spesso molto carente e può portare una mancata soddisfazione dei desideri e del piacere. L’erezione è dettata da uno stato di eccitazione mentale alimentata da una stimolazione fisica, e la mancanza di questi fattori può portare a una impotenza psicologica.

Ignoranza sessuale

Si traduce nell’incapacità di avere un atteggiamento sessuale efficace. È una considerazione generica che può esprimersi in diversi modi, ma che alla base non produce le condizioni per un’intesa sessuale che possa portare al compimento dell’atto sessuale.

Valore genitoriale nel partner

Le motivazioni psicologiche che portano a questo percorso sono complesse e articolate e, nel caso dell’uomo, significa rivedere nella propria donna la figura materna. Si tratta di una causa d’impotenza maschile psicologica di tipo intrapsichico e sicuramente va affrontata con il supporto di uno psicoterapeuta.

Cause relazionali di coppia

In questo caso la manifestazione del disturbo è di tipo secondario e occasionale, in relazione ad un partner specifico. Alla base vi è un conflitto e una disarmonia relazionale, che può essere catalogata come leggera, grave, costante o episodica. È impossibile elencare tutte le cause di discordia in una coppia, ma è utile concentrarsi su quelle direttamente legate alla sfera sessuale ed erotica.

Carenza di stimoli sessuali

Il calo del desiderio sessuale può essere una delle cause d’impotenza maschile psicologica. È una condizione che colpisce tendenzialmente le coppie più navigate, in cui si è perso ardore e passione. E’ forse improprio parlare d’impotenza sessuale, trattandosi di semplice calo della libido.

Mancanza di affinità sessuale e fiducia

Principalmente nelle nuove coppie, ma anche in quelle già formate (l’affinità si può perdere o cambiano le esigenze), si deve trovare la giusta intesa sessuale. Significa saper dare e ricevere piacere con il giusto equilibrio. Tutto rientra nell’avere un rapporto sessuale appagante vissuto con desiderio ed eccitazione. La fiducia gioca un ruolo decisivo e consente di vivere l’esperienza sessuale in maniera naturale e rilassata.

Repulsione del partner

Quando non si prova attrazione o addirittura vi è un sentimento di repulsione verso il partner, è pressoché impossibile riuscire ad avere una normale risposta sessuale. Per l’uomo la manifestazione più comune è la mancanza oppure il non mantenimento dell’erezione. Le cause di un sentimento di repulsione possono essere di natura fisica o anche psicologica, e possono manifestarsi a livello subconscio. In questi casi è più facile attribuire il problema a un malfunzionamento organico, quando invece la causa d’impotenza è psicologica.

Sesso conflittuale

È la massima espressione dello stato di conflitto nella coppia. Tutte le tensioni, le discordie, i rancori sono trasferiti a livello inconscio nell’intimità. Il sesso diventa uno strumento di lotta e il partner è l’avversario da sconfiggere. L’uomo trova la sua rivalsa impedendo il raggiungimento del piacere sessuale al nemico.

Sottomissione e sadismo

Il sadomaso non è altro che una legittima espressione della sessualità, che arricchisce l’esperienza sessuale di molte persone. Tutto ciò è vero, se gli atteggiamenti che ne caratterizzano la sua pratica, come umiliazione, sottomissione, ricerca del dolore, sono pienamente condivisi da ambo i partner. In caso contrario si creano degli squilibri emotivi che sfociano in diverse disfunzioni sessuali. Il desiderio verso queste esperienze presuppone che esso emerga gradualmente, e che le prime manifestazioni avvengano con il proprio partner. Un uomo sottomesso senza il desiderio di esserlo, un partner troppo violento quando non si trae piacere dal dolore, può portare a un’impotenza psicologica come reazione al disagio.

 

Per ottenere le corrette risposte sessuali, sia femminili sia maschili, fra cui l’erezione, non necessariamente vanno anche risolte le cause del disturbo. Questo, facendo riferimento a quegli aspetti psicologici di radicata struttura, è un aspetto confortante per iniziare a vivere serenamente il sesso in tutti i suoi aspetti. A tal fine si consiglia di iniziare una terapia sessuale, proposta e monitorata da uno psicoterapeuta abilitato.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Problemi di erezione: rimedi
Come avviene l'erezione
Dimensioni medie del pene
Come allungare il pene

e se ti è piaciuto questo, puoi condividerlo…

oppure lasciare un commento!

feeccia rosa

No comments yet.

Lascia un commento

Comment


 
btt