Il piacere sessuale femminile all’interno della coppia

Piacere sessuale femminile

virgolette 100x74Il 70% delle donne ha finto l’orgasmo almeno una volta, l’80% ha problemi a raggiungere l’apice del piacere femminile durante il coito, il 99% degli uomini se ne fregano e si preoccupano solo del proprio piacere sessuale. Le cose potrebbero però cambiare…

IL PIACERE SESSUALE FEMMINILE ALL’INTERNO DELLA COPPIA

La sessualità è un’importante componente della vita di ogni individuo. O almeno dovrebbe esserlo. In alcune coppie, con il trascorrere del tempo, il sesso diventa un’attività meccanica, ripetitiva e priva di passione. In altri casi, dietro un apparente stato di benessere sessuale, si nasconde una forte insoddisfazione. Questo potrebbe esser vero per entrambi i sessi, ma le statistiche assegnano questo triste primato alle donne. Per molte, arrivare all’apice del piacere sessuale femminile, è una condizione occasionale. Solo una donna su cinque si dichiara sessualmente soddisfatta durante il coito, riuscendo regolarmente a raggiungere l’orgasmo. Naturalmente si può vivere anche senza; molte donne che non hanno orgasmi non ne sentono la mancanza (o almeno così affermano).

Se pur non indispensabile alla salute fisica, alcuni studi attribuiscono diversi benefici al raggiungimento del piacere sessuale. I sessuologi Komisaruk e Whipple della Rutgers University, nel loro libro “la scienza dell’orgasmo”, affermano che le persone con orgasmi regolari appaiono meno stressate e sono meno soggette a disturbi cardiaci, cancro della mammella e della prostata.

Il sesso non è un complemento accessorio della propria vita, e da un punto di vista emotivo, è un elemento fondamentale per la completezza personale e relazionale di ogni individuo. Ottenere il piacere sessuale, oltre a procurare un ovvio godimento fisico, influisce in maniera positiva su se stesse e mette in armonia con la propria femminilità. Essere orgasmiche e godere del proprio piacere femminile è molto importante anche all’interno di una relazione o nei rapporti occasionali.

A seguito di un orgasmo, dopo aver fatto l’amore, si prova un sentimento molto profondo verso il partner, sentendosi adorate e adoranti. È una magnifica sensazione di arrendevolezza che si ha verso il partner per il godimento ricevuto e allo stesso tempo ci si sente appagati per aver offerto altrettanto. Dare e ricevere piacere sessuale è uno dei fattori che avvicinano due individui.

 Allora perché tutto ciò non sempre avviene? Perché una donna arriva a fingere l’orgasmo?

Sarà forse per mantenere inalterato l’equilibrio relazionale nella coppia, anche se in realtà questa finzione si risolve spesso in concreti problemi di risentimento e perfino collera verso il partner.

Per qualche donna potrà essere anche una semplice questione di opportunità, se non di cortesia; è talmente faticoso dover spiegare perché non si è raggiunto l’orgasmo, che è meglio eclissare la faccenda con qualche falso gemito.

Di fatto, buona parte di quelle donne che della simulazione ne hanno fatta un’arte, accetta di sacrificare la reciprocità orgasmica al fine di evitare le imprescindibili tensioni sul rapporto. Purtroppo questo è un atteggiamento largamente diffuso e trova radicate connotazioni culturali. Nella concezione androcentrica del sesso, ammettere che il coito non provochi sensazioni celestiali è per una donna confessione di imperfezione, e il piacere sessuale femminile mantiene forti connotazioni negative.

Non è un caso che ancora oggi, alimentato esclusivamente dalla visione maschile del piacere sessuale, perdura il mito dell’orgasmo vaginale. Di contro, se una donna riesce raggiungere solo l’orgasmo clitorideo, inteso come stimolazione diretta della clitoride, non è mai prova dell’incapacità maschile ma bensì, ancora una volta, dell’inadeguatezza femminile. Alla base del problema vi è quindi la persistita idea secondo cui il piacere femminile dovrebbe necessariamente essere raggiunto durante il coito eterosessuale. Il mito della penetrazione non è però una cospirazione ordita dagli uomini, sono le donne stesse a voler credere nella reciprocità orgasmica del coito.

Frasi come “raggiungere l’orgasmo non è così importante” o “a noi piace lo stesso”, sono ripetute così tante volte che molte donne hanno finito per convincersene. Raggiungere il proprio piacere femminile deve essere la pretesa di ogni donna, per il benessere personale, del partner e della propria relazione.

Non si deve mai simulare l’orgasmo, solo fare in modo di averlo davvero.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli

Lunghezza del pene
Esercizi di Kegel per donne
Masturbarsi fa bene
Dove si trova il punto g

e se ti è piaciuto questo, puoi condividerlo…

oppure lasciare un commento!

feeccia rosa

3 Thoughts to Il piacere sessuale femminile all’interno della coppia

  1. Babi Rispondi 3 marzo 2015 at 14:35

    Un articolo veramente molto bello. Non avevo mai fatto una riflessione del genere. Ogni tanto mi è capitato anche me, non tanto di gemere falsamente ma ho fatto credere di avere avuto un orgasmo quando invece non era vero. Anche se non è carino da fare penso sia la cosa miglior per non deluderlo.

    #
    • Letizia Rispondi 5 marzo 2015 at 17:06

      Anche io penso che fingere un orgasmo non sia una cosa negativa. Quando non l’ho avuto e sono stata sincera lui si rabbuiato e mi sono sentita quasi in colpa. Quindi che c’è di male nel dire una bugia a fin di bene!!

      #
      • Sesso Amore e Fantasia Rispondi 8 marzo 2015 at 17:15

        Ciao Letizia, dal mio punto di vista non ne vedo proprio il motivo per farlo. Penso sia molto più utile per il benessere della coppia e per il piacere sessuale di entrambi porsi l’obiettivo di un dialogo aperto e sincero. Ne trarrà beneficio il rapporto di coppia in tutti i suoi aspetti. Le mie esperienze personali mi hanno portato a scoprire che un uomo preferisce più essere “guidato” piuttosto che ricevere il contentino… naturalmente ci vuole il giusto tatto!!

        #

Lascia un commento

Comment


 
btt